Follow Me

E' ora di tornare a lavorare…

By Marco Camisani Calzolari   /     Jul 27, 2012  /     z_Post  /     0 Comment

Io poi, bytheway, in mezzo a tutto questo delirio, dovrei anche lavorare, ho delle aziende da mandare avanti, con dentro persone che mantengono famiglie e a cui devo garantire lo stipendio. Troppo rumore, troppe stonature, troppi regolamenti di conti.
Io quel che volevo e dovevo dire l’ho detto. Credo che sia arrivato il tempo di tornare a lavorare…
Chi alimenterà ancora polemiche su queste storie ormai trite, ricerca, Prof/IULM, lo farà solo per ottenere visibilità propria e salire su un carro che in questi giorni ne ha avuta molta, troppa.

Continue Reading Quick Read

I messaggi dei miei studenti…

By Marco Camisani Calzolari   /     Jul 26, 2012  /     z_Post  /     0 Comment

« Cogli l’attimo, cogli la rosa quand’è il momento, perché, strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno smetterà di respirare, diventerà freddo e morirà. »

Carlo Alberto Dato:
Finalmente un Professore con la P maiuscola, che non vende aria fritta ma offre ai suoi studenti degli strumenti concreti per capire in che mondo andranno a lavorare e non obsoleti o parole al vento. tra tutti gli esami sostenuti è l’unico che abbia dimostrato correttezza e concretezza. Grazie prof, ha dimostrato di essere uno dei pochi a credere in quello che insegna e in quello che fa, per averci insegnato ad usare strumenti concreti. chi urla nelle piazze lascia il tempo che trova, in tanti hanno urlato e sono spariti, chi, anche in silenzio lavora per un futuro migliore senza barriere mentali, verrà ricordato. IO SOSTENGO Marco Camisani Calzolari

Alessandra Puddu:
In nessun’altro corso c’è una partecipazione tanto attiva e reale di professionisti esterni (praticamente per 1/3 delle lezioni) e tanto ben organizzata, che corrisponda REALMENTE a ciò che viene promesso nella presentazione del corso. In nessun altro corso, soprattutto, si ha l’opportunità di confrontarsi realmente con diversi professionisti del settore fino a gettare le basi per uno stage (io l’occasione l’ho colta). In nessun altro corso vengono insegnate davvero le basi delle basi per AGIRE in prima persona con gli strumenti digitali, a partire da zero, come è giusto che sia. Cosa dire di questo corso? Che è esattamente il tipo di corso che mi aspettavo di seguire prima di iscrivermi alla Iulm: pensavo che fossero tutti così, a dire il vero…il Corso di Comunicazione Aziendale e Linguaggi Digitali 2o semestre IULM 2011 ha risposto alle domande che molti di noi non avrebbero mai avuto il coraggio di porre

Marinella Graziano:
Seguendo le sue lezioni ho visto di persona cosa significa essere appassionati del proprio lavoro, saper puntare in alto tenendo i piedi per terra, ho parlato di lei in giro con tanto entusiasmo, ( nonostante il suo esame mi abbia abbassato la media -_-‘)… spero di riuscire in futuro a dedicarmi a quello che farò nello stesso modo in cui lo fa lei. BUON LAVORO PROF!

Andrea Ravasi:
Senza dubbio il corso piu utile, interessante e ben organizzato del mio percorso universitario. A mio parere un professore si definisce tale se riesce a comunicare passione della propria disciplina ai suoi studenti. Voglio che lei sappia che ci e’ riuscito.

Marinella Graziano:
io questo corso lo seguirei altre 20 volte.

Cami Antonelli:
Io amo le persone appassionate che mettono in gioco l’anima in cio in cui credono e questo Marco Camisani Calzolari me lo ha trasmesso, proprio come lo ha trasmesso a tanti miei amici studenti.
Preparatissimo, attento e multitask sono alcuni aggettivi che ben si prestano a descrivere il Prof.
Consiglierei ad occhi chiusi di frequentare il suo corso. Di grandissima utilità e attualità per non dire indispensabile.

Erika De Chiara:
Uno dei corsi meglio organizzati e interessanti del corso RPCM e soprattutto UTILE per un futuro lavoro.

Giorgio Buri:
Ricordo anche io le lezioni del Prof. Calzolari con immenso piacere. Una polemica di mezza estate non deve compromettere la permanenza di un corso ben strutturato e soprattutto utile agli studenti. Speriamo che la politica ritorni a parlare presto delle cose davvero importanti per il Paese.

Jessica Fedele:
Per me è stato uno dei migliori corsi che ho seguito alla IULM, un Prof brillante e scrupoloso. Arricchiva le lezioni con la presenza di professionisti del settore e con analisi di casi aziendali. Come ho scritto già in passato, sotto i post di Grillo, se vogliono possono attaccare (dopo averla letta), la ricerca ma nessuno deve attaccare la professionalità del Professore.

Valerio Massimo Caldara:
se tutti i corsi fossero coinvolgenti, interessanti e utili come il suo a quest’ora avrei la media del 30.

Jacqueline Gualdi:
Posso solo dire che un professore come lei fa la differenza e puo’ dare speranza ad un sacco di studenti. Alla fine saremmo sempre noi a pagarne il prezzo, pensateci..

Serena Pasquali:
Anche per me è stato uno dei corsi più interessanti dei tre anni accademici, tenuto da un professore molto competente e determinato a farci capire le possibilità che il mondo digitale può offrirci come professionisti.

Jessica Nelli:
Salve prof, mi dispiace davvero tanto per tutte le cose di cui l’accusano se così si può dire! giuro che il prof Camisani non era assolutamente un mero usciere!!! nonostante i suoi impegni ha sempre cercato di esser presente e di proporci tanti ospiti di un certo livello! Per come l’ ho potuta conoscere a lezione io la stimo e la ritengo un vero e proprio professionista!

Alessandro Pedrazzoli:
Io seguivo le lezioni del titolare di uno dei corsi più interessanti dello iulm. Tutta sta storia, a partire dalle minacce, fa davvero paura. Grillo e il cambiamento dell’Italia… ma i buoni vecchi metodi tornano sempre utili

Arianna Gregori:
Il corso tenuto dal prof e’ stato l’unico concreto, serio e che si collegava al meglio anche al mondo del lavoro..con testimonianze uniche di persone molto importanti

Daniela Di Pietro:
Concordo con i miei colleghi riguardo all’utilità del corso tenuto dal Prof Marco Camisani Calzolari e penso che la professionalità di un professore sia l’unico metro di giudizio con cui un’università debba misurare i propri docenti. Sono soddisfatta di aver seguito la Sua materia tra le tante a scelta perchè concreta ben strutturata e volta ad aprirci la strada nel mondo del lavoro.

Giulia Barachetti:
Un grande professore appassionato così tanto della sua materia del suo lavoro non l’avevo mai incontrato, mi ha fatto notare cose che avevo sempre sottovalutato perchè pensavo non interessanti, e invece tutto quello che mi ha insegnato è stato di grande aiuto. Ho parlato a molte persone di lei e lo stimo davvero tanto! Spererei un giorno di incotrarla sul campo del lavoro!

Massi Milanese:
Incontrare un professore innamorato della propria materia e che la trasmette con passione è poco comune. Se poi dimostra di padroneggiare anche la pratica, ovvero l’applicazione degli insegnamenti al mondo del lavoro, è raro. La cosa che non capisco è come mai la sua sia una “materia a scelta”…

Continue Reading Quick Read

Follower fake, bot, inattivi: l’importanza dei dati

By Marco Camisani Calzolari   /     Jul 26, 2012  /     z_Post  /     0 Comment

A proposito della nuova ricerca pubblicata dalla mia società Digital Evaluations, Piero Tagliapietra ha approfondito i dati ras resi disponibili qui http://digitalevaluations.com/study
e per chi ha più voglia di verità e di sostanza che di polemica o diffamazione, questo è il primo articolo circostanziato sui dati della ricerca: http://www.pierotaglia.net/follower-fake-bot-inattivi-limportanza-dei-dati/
Screen Shot 2012 07 26 at 11 44 01

Continue Reading Quick Read

ANSA – Prof. Sacco UniBocconi: "Il margine di errore è basso, intorno all'1%"

By Marco Camisani Calzolari   /     Jul 25, 2012  /     z_Post  /     0 Comment

TWITTERGATE: SACCO; ANALISI CORRETTA, SI DISCUTA SUI DATI
IL PROF BOCCONI HA VISIONATO CAMPIONE GRILLO; 1% MARGINE ERRORE
(ANSA) – LONDRA, 25 LUG – “Abbiamo visionato uno per uno i
presunti falsi del campione riferito all’account di Beppe Grillo
e il margine di errore è basso, intorno all’1%. Quindi
l’analisi c’é”. A parlare è Francesco Sacco, professore
presso l’università Bocconi, dipartimento Management e
Tecnologia.
“Mi piacerebbe – dice all’ANSA – che il web fosse uno spazio
civile dove si dibatte e non attacca a livello personale. Detto
questo, non esiste la metodologia perfetta. Pensiamo a Blade
Runner: trovare i replicanti era un’arte”. L’importante dunque
é l’approccio e Sacco ha insistito perché questa volta i dati
‘crudi’ della ricerca sugli account dei politici fossero
pubblicati in toto così che ognuno potesse svolgere una contro
verifica. “Facciamo una scommessa: in quanti si prenderanno la
briga?”. E la polemica che si è scatenata. “I risultati
possono non piacere. Ma ripeto, l’analisi c’é. E io non sono
uno schierato”. (ANSA).

Chi è il Prof. Francesco Sacco

http://www.key4biz.it/Players/Who_is_who/S/Sacco_Francesco.html

Continue Reading Quick Read